Comune di Ne - portale istituzionale

Gli antenati liguri di Giuseppe Garibaldi

Ritorna alla terra dei suoi regali
esuli progenitori
GIUSEPPE GARIBALDI
l’esule combattente
in ogni terra, su ogni mare
per il diritto degli uomini
ad essere cittadini del luogo natio
a vivere in esso ed in esso morire

(Elena Bono)

Certi delle origini liguri della famiglia di Giuseppe Garibaldi, grazie alle attente e scrupolose richerche del prof. Gianluigi Alzona, ordinario dell’Università di Torino, si è risaliti sino al nonno di Giuseppe, Angelo Garibaldi, nato nel territorio del nostro Comune.

L’Atto di Battesimo è conservato presso i Registri della Parrocchia di Garibaldo in localià Chiesanuova di Ne e recita:

“Il 10 gennaio 1741, ANGELO MARIA GARIBALDO, figlio dei coniugi Domenico e Giulia, nato la notte antecedente, è stato battezzato dal R.D. Giuseppe Garibaldo, su licenza di me Giovanni Francesco Ghio, Rettore di questa Chiesa di San Biagio di Garibaldo. Padrini furono Battino Danero figlio di Bartolomeo della Parrocchia di San Lorenzo di Cogorno e Geronima Raffo figlia di Silvestro della Parrochhia di Sant’Apollinare di Reppia.”

La recente scoperta storica del prof. Alzona, ora cittadino onorario del Comune di Ne, è contenuta nel libro “Gli antenati liguri di Giuseppe Garibaldi” – editrice Genesi di Torino, presentato al pubblico in occasione delle celebrazioni per il Bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi, organizzato dal Comune di Ne per la giornata del 14 maggio 2007.

L’Amministrazione Comunale ha inaugurato un monumento ad Angelo Garibaldi in loc. Chiesanuova nei pressi della Chiesa di San Biagio di Garibaldi.

Il monumento – stele realizzato dallo scultore chiavarese Franco Casoni riporta il leone rampante dorato, simbolo dei Garibaldi e l’atto di Battesimo del 10 gennaio 1741.

Pagine collegate

Dipende da: Cultura e Turismo
Ultima modifica: 28 Maggio 2019 alle 16:23
torna all'inizio del contenuto