Comune di Ne - portale istituzionale

Abbandono rifiuti: REVISIONE ORDINANZA 9/2019

30/06/2020

La responsabilizzazione e la cooperazione di tutti i cittadini nella gestione dei rifiuti sono il presupposto fondamentale per la promozione di un riciclaggio di alta qualità che miri sia alla salvaguardia dell’igiene e del decoro ambientale, sia a un decremento dei costi per lo smaltimento degli stessi che finiscono inevitabilmente per gravare sull’Ente e sulla cittadinanza.

A tal proposito,l’Amministrazione Comunale, con l’ordinanza n. 18/2020 prot. 5946 del 30.06.2020 ha effettuato una revisione  dell’ordinanza sindacale 09/2019 prot. 7093 del 13/07/2019 avente come oggetto il divieto d’abbandono dei rifiuti. A tal fine:

  1. è fatto divieto sull’intero territorio comunale a chiunque di abbandonare e depositare rifiuti di qualsiasi genere a prescindere dalla loro natura e dalla loro composizione sul suolo e nel suolo, nelle acque superficiali e sotterranee e comunque in luoghi e con modalità differenti da quelli stabiliti dal vigente Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani ed al di fuori degli appositi contenitori.
  2. E’ altresì vietato il conferimento nei cassonetti presenti sul territorio comunale di rifiuti provenienti da attività, anche commerciali, site in altri Comuni, o rifiuti non prodotti sul territorio comunale. Si intendono non prodotti sul territorio comunale i rifiuti conferiti da soggetti residenti, dimoranti od esercenti attività aventi sede al di fuori del Comune di Ne.

Restano invariate le sanzioni . I trasgressori verranno puniti con sanzioni comprese tra un minimo di € 300,00 (trecento) a un massimo di € 3000 (tremila) alle quali, ai sensi della Legge 94/2009, possono aggiungersi ulteriori € 500 (cinquecento) di ammenda per il conseguente deturpamento di spazi pubblici.

Tutto questo si è reso necessario a causa dell’abbandono incontrollato di rifiuti ingombranti sul territorio comunale, nonostante sia gratuitamente possibile per i residenti, previa apposita richiesta presso gli Uffici Comunali, chiederne il ritiro a domicilio o, in alternativa, conferirli autonomamente presso i centri di raccolta attivi sul territorio (Centro di raccolta Vallescura: ogni terzo sabato del mese dalle ore 8 alle 11:30; Centro di raccolta in via S.Biagio 8 a Chiesanuova: ogni primo sabato del mese dalle ore 8 alle 11).

A tal fine, la vigilanza, per poter smascherare gli eventuali trasgressori, si avvarrà dell’utilizzo di fototrappole e telecamere (ai sensi dell’Art.19 del Regolamento di Videosorveglianza), ma è altresì richiesta la collaborazione di tutta la cittadinanza per denunciare questi atti di grave inciviltà e di disamore verso la propria terra. Ad oggi, a conferma del buon funzionamento del sistema di videosorveglianza, sono state rilevate infrazioni per un ammontare superiore a €4000 (quattromila).

Il testo sintetico dell’ordinanza sopra citata è stato reso noto a mezzo di manifesti e di adesivi affissi su ciascun cassonetto, mentre è fruibile integralmente attraverso i collegamenti sotto riportati.

torna all'inizio del contenuto